giovedì 22 settembre 2011

OSTAGGIO DEL CORRIERE


Italia, 2011.
Il mio portatile negli ultimi giorni ha vissuto un'intensa, straziante agonia. In tutti i modi, dopo 3 anni di onorato servizio, ha cercato di aiutarmi anche con le ultime forze a disposizione. Un gesto eroico, che testimonia la stoicità di queste piccole e meravigliose macchine, le quali solo i meno sensibili possono definire come ammassi di microchip e saldature. Nossignori, il mio 17" ha un C(u)ore 2 Duo che batte, ha un'anima nel suo hard disk, e la passione con cui mi ha servito non si misura in RAM.
Ora però, il collasso di organi fondamentali come batteria e alimentatore mi ha spinto a non scucire 200 Euro per le relative sostituzioni, optando invece per un macroinvestimento da ben 260 verso quella che ha tutti i connotati per essere una bomba tecnologica. Tale ritrovato dell'informatica è ora in viaggio verso il mio domicilio, e mentre rifletto se collaudarlo inserendomi nei server della NASA oppure ripulendo qualche banca on-line, rimango sotto sequestro. Sì, avete letto bene: come ogni italiano in attesa di una consegna, oggi io sono ostaggio del corriere.

Impossibilitato a qualsivoglia azione esterna alle mura domestiche, non docciato e soprattutto imbottito di Dissenten (certo, anche 5 onesti minuti sul water potrebbero essermi fatali), resto in attesa di questo Godot ispanoablante e del suo "Paco, señor!" al citofono. In 30 secondi mi giocherò la giornata, non c'è margine d'errore. Per intanto vige, ahimè, un interminabile turno di guardia che desidero rendere costruttivo tramite una rassegna stampa di cui vi rendo partecipi.
  1. Parlavamo giusto pochi giorni fa di truffe e specchietti per le allodole legati al mondo dell'istruzione. Et voilà, servito il re di briscola sul tavolo italiano con il Carolus Magnus di Verona, sotto accusa per truffa aggravata. Morale della favola: occhi aperti, sempre e prima.
  2. E' stata verificata la miopia multimediale degli utenti di Facebook. Boccaloni di prima categoria. Sapete che comincio a sentirmi uno sveglio per non esserci cascato? Si vedeva lontano un miglio.
  3. Continuano i problemi col wi-fi di Trenitalia. Peccato, perchè i treni veloci effettuano un servizio ottimo, a mia detta. E' che proprio questa cosa del wi-fi "gratuito" (non è gratis, costa 1cent da pagare con carta di credito in taluni casi) è venuta su storta dal principio. Dove sta l'errore?
  4. Per uno sguardo al futuro multimediale, molto interessante è questa inchiesta sul "cloud", cioè la "nuvola di dati", disco fisso planetario dell'avvenire. Basterà la crittografia a metterci al sicuro?
  5. Per i prossimi giorni, non uscite senza casco. Anche per fare jogging.
  6. E per la serie "uniamoci per una buona causa", ecco un progetto ambizioso made in Bologna.
  7. Dulcis in fundo, credo vi sia vitale sapere che Veronica Maya ha ingranato la terza, per la seconda volta e al quinto mese di gravidanza.
E negli ultimi 30 secondi, montandomi la frustrazione, ho chiamato per sapere quando accidenti arriverà questo pacco. Risposta? "Domani".
Italia, 2011.
      

Nessun commento:

Posta un commento