mercoledì 5 settembre 2012

GENERAZIONE COPIA E INCOLLA (parte 2)

Ne parlavamo tempo addietro: siamo una generazione "copia e incolla". Anzi, "copy and paste" in questo caso, dato che la notizia recentemente rimbalzata sui media arriva niente meno che da Harvard.

Fedeli però al motto che capeggia sul proprio stemma, nell'ateneo statunitense reagiranno in maniera ben più formale rispetto a quanto accade dalle nostre parti, dove ancora i regolamenti in materia restano lungi dall'essere chiaramente delineati.
I dettagli su come procederanno negli USA li trovate sul Corriere. Il succo sta in un paio di frasi*:
  • Tutti gli studenti sorpresi a copiare (ragazzi ai quali è stato garantito l'anonimato) dovranno comparire davanti all'Harvard Administrative Board, una sorta di tribunale presieduto dal preside della scuola «undergraduate», Jay Harris.
  • Quindi ci saranno sanzioni che possono andare dalla sospensione degli studenti per un anno a forme più blande come l'ammonizione
Non si arriverà all'espulsione anche nel peggiore dei casi, quindi possiamo riassumere quel che accadrà come grosso modo una tirata d'orecchie. Seria, però. Ufficiale. E stiamo parlando di elaborati scritti con valenza d'esame, i cosiddetti "essay", non di tesi di laurea.
Al contrario, in Italia -dove gli esami in "stile essay" sono raramente in uso e il più dei casi di plagio vertono sulle tesi di laurea- i docenti sono ancora a mani ampiamente legate e le tirate d'orecchie che possono infliggere ai "furbetti dell'ateneino" sono molto più simili a quelle di una zia a cui dal portadolci spariscono due boeri.

Succede così che anche gli indegni (magari non per forza didatticamente, ma di certo eticamente parlando) passino al di là del guado, faticando meno degli altri, traendone un'aggiunta di retrogusto che da italiani -attori o spettatori- ben conosciamo. Il passaggio successivo è irrorare ciò a cui si accede col medesimo modus operandi: la furbata in tasca, cugina complessata dell'asso nella manica, il quale per lo meno porta una connotazione d'abilità in quanto frutto del proprio intelletto.
Se vogliamo migliorare le cose, quindi, queste non sono piccolezze.


*avendo utilizzato un estratto e riportato la fonte, questa è una citazione. Avessi fatto diversamente, sarebbe stato plagio. Chiara la differenza?

Nessun commento:

Posta un commento