giovedì 6 dicembre 2012

FOSSIMO NATI ALTROVE

Innumerevoli le volte che ho passato il valico nella foto: dogana di Chiasso, uno dei tratti di congiunzione fra l'Italia e la Svizzera.
Chi come me ha percorso la tratta da sud a nord per un pieno di benzina, un po' di cioccolato e magari anche zucchero e sigarette, di certo almeno una volta se lo sarà domandato: come sarebbe la mia vita se fossi nato una manciata di chilometri più a settentrione?

A rispondere ci pensa una ricerca che attesta la Confederazione Elvetica come il miglior posto al mondo in cui nascere.
Avendo io passato gli ultimi 3 anni più in Svizzera che in Italia, non posso dare torto a questo studio sul fatto che si tratti di uno dei Paesi migliori per qualità di vita e sicurezza. Le polemiche su come la Svizzera in passato e nel presente abbia incamerato ciò di cui dispone hanno buona ragion d'essere, ma si è anche di fronte ad un sistema che funziona meglio del nostro non solo per mano interventistica del governo.

Immediatamente a ruota i paesi scandinavi, l'Australia ed Hong Kong. Parallelamente, diverse le grandi nelle retrovie: Germania e USA al 16° posto, Italia al 21°, UK al 26°.
Proprio sulla collocazione della nostra nazione rispetto alla Gran Bretagna mi sento di dissentire: meteo a parte, avendo vissuto in entrambe faccio fatica a comprendere come nascere italiani sia meglio che nascere britannici.
Che qualche saggio m'illumini. Ma, per favore, non con storie di calcio.

Nessun commento:

Posta un commento