mercoledì 29 maggio 2013

MIRABOLANTI IDEE NOSTRANE

Per la serie "irraggiungibili pretese", qualche giorno fa il Politecnico di Milano si è beccato il niet del Tar circa uno dei più assurdi progetti mai sentiti in Italia: fare tutto in inglese.

Lo dico io, da linguista: proporre d'effettuare solo in inglese i programmi di laurea specialistica e dottorato è un'idea che vale i 90 minuti d'applausi seguiti all'opinione del ragionier Fantozzi. Perché tale idea pare l'equivalente della Corazzata Potemkin.

Se non ci sono fondi per rendere tutto bilingue, la soluzione non è certo quella di rendere gli studenti italiani stranieri in casa propria. L'opzione dell'università in inglese deve essere un valore aggiunto, non il contrario. Ed il tasto è ancor più delicato quando si parla di atenei e corsi di laurea di stampo tecnico. Mi spiego: fosse stato il mio corso di laurea (Mediazione Linguistica e Culturale) completamente in inglese, avrei accettato. Idem per altri corsi di laurea quali, ad esempio, Scienza del Turismo (che invece in molti casi ha solo un ridicolo "accertamento di lingua inglese" da sostenere). Diverso sarebbe stato invece se la mia università avesse deciso che TUTTO avrebbe dovuto essere fatto in inglese. Pure Medicina? Pure Statistica? Ma perché?

Come troppo spesso accade, in Italia manca la ponderatezza della via di mezzo.
Focalizziamoci ad insegnare bene l'inglese e pretendere che gli studenti si applichino per impararlo a dovere, anziché passare dall'averlo come suppellettile nei percorsi più tecnico-scientifici al pretendere che diventi lingua ufficiale.
Non si cambia l'Italia con uno schiocco di dita. Sveglia.

domenica 26 maggio 2013

IL PENSIERO DELLA DOMENICA - n° 97

Addio Don Gallo, e grazie per la lezione: si può credere fermamente in qualcosa, e perciò contestarla.
Buona domenica.

mercoledì 22 maggio 2013

SIMULARE NON E' PECCATO

Simulare è una virtù. Altro che peccato.
Per tutti coloro che affronteranno un test d'ingresso all'università, s'intende. Ecco quindi qualcosa di utile.

domenica 19 maggio 2013

IL PENSIERO DELLA DOMENICA - n° 96

Sicuri che quel che avete in tavola non sia cibo criminale?
Buona domenica.

giovedì 16 maggio 2013

NUMERI DA DISOCCUPAZIONE

Stavolta ci sono numeri e grafici. Avere una dimensione del fenomeno disoccupazione in Europa è quindi cosa più semplice.

domenica 12 maggio 2013

IL PENSIERO DELLA DOMENICA - n° 95

Governo Letta, ovvero come cambiare la carta regalo per rifilare il solito pacco.
Buona domenica.

giovedì 9 maggio 2013

domenica 5 maggio 2013

IL PENSIERO DELLA DOMENICA - n° 94

Ecco alcuni marchi che si rifornivano presso il luogo del crollo a Dacca, in Bangladesh.
Buona domenica.